Inserito 29-02-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

CepranoRocco Cassandri ci segnala, la presentazione del libro su CEPRANO (FR) che si tiene oggi 29 febbraio alle 17.30 in via Alfieri, presso la sala comunale “Sandro Pertini” di Ceprano herunterladen.

L’amico Rocco, ha partecipato alla stesura del volume i cui proventi andranno per la ristrutturazione di una Cappella ferrovia fatta edificare da Pio IX presso la stazione di Ceprano kostenlos antivirus vollversion. Come è noto Ceprano era l’ultima stazione della Ferrovia Roma-Ceprano, di cui si è molto scritto per l’omonimo Ambulante Postale Pontificio, inoltre la Cappella rappresentava anche una sorta “simbolo religioso di confine” einladung zum downloaden.
Come si evince dall’abstract qui di seguito la partecipazione di Rocco al volume è stata di carattere Storico Postale e quindi come CIFO abbiamo il piacere di segnare sia il Libro che l’evento herunterladen.

LA COMUNICAZIONE POSTALE NELLO STATO PONTIFICIO
Come nasce e come si evolve la posta nei secoli? Un breve excursus per narrare la storia delle comunicazioni epistolari ed arrivare a descrivere l’attività dell’ufficio postale di Ceprano hörspiele kostenlos downloaden illegal.

L’AMBULANTE ROMA-CEPRANO E LO SCAMBIO DELLA POSTA PER NAPOLI
La ferrovia Roma-Ceprano, inaugurata il 27 gennaio 1862, ha determinato cambiamenti epocali nel trasporto delle persone e delle merci utilizzando la forza motrice generata da macchine a vapore herunterladen. Anche il trasporto della posta ha beneficiato di questa innovazione al punto che a, partire dal settembre dell’anno successivo, furono realizzati uffici postali mobili da vagoni ferroviari ed aggiunti ai treni che percorrevano la tratta Roma-Ceprano herunterladen.

20 SETTEMBRE 1870 – L’AMBULANTE PONTIFICIO ROMA – CEPRANO DIVENTA ITALIANO
II 20 settembre 1870, con la “Breccia di Porta Pia” e con Roma capitale si ritiene conclusa
l’Unità d’Italia vodafone rechnungen herunterladen. Inevitabilmente anche la storia del nostro ambulante postale cambia diven­tando un tutt’uno con il gemello Isoletta-Napoli.

Invia un tuo commento

You must be logged in to post a comment.